"Il mondo è davvero pieno di pericoli, e vi sono molti posti oscuri; ma si trovano ancora delle cose belle, e nonostante che l'amore sia ovunque mescolato al dolore, esso cresce forse più forte"
J. R. Tolkien

sabato 16 gennaio 2010

La risposta giusta è che non esiste la risposta giusta a una azione. Esistono una serie di risposte corrette, ognuna capace di soddisfare una sfaccettatura della situazione. La risposta più spiazzante è quella che trasforma in strumenti i paletti che l'altro aveva posto come limiti invalicabili.

6 commenti:

MAURIZIO ha detto...

Ecco perchè uno dei metodi di "selezione" sempre più usato nei concorsi è quello dei "quiz a risposta multipla"....

la stanza in fondo agli occhi ha detto...

In realtà non ho esperienza di tali situazioni di selezione aziendale, ma mi è venuto in mente tutto questo ripensando a certe situazioni vissute, alle reazioni che certe persone ti costringono ad avere. Uno spesso si chiede se ha fatto la cosa giusta (non sto cmq parlando di situazioni in cui ci sono valori/morale/etica fortemente coinvolte)e poi capisce che non c'era una sola reazione giusta.

Winter Lover ha detto...

a volte penso che rispondere a tono, correttamente a un'azione ti penalizza: l'armonia in una relazione di qualunque tipo non porta a niente...

Valeria ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
la stanza in fondo agli occhi ha detto...

Vero, la correttezza a volte non paga. E' pure vero però che l'importante è la propria serenità, se per restituire pan per focaccia ci viene un travaso di bile tanto vale lasciar bollire certe persone nel loro brodo. Avere fiducia nell'umanità purtroppo non è facile

Renata ha detto...

La correttezza dovrebbe essere applicata da noi verso noi stessi.

E' chi ferisce che ha problemi da sfogare, talvolta im modo meschino, su altri.